SIMEST – Misura n. 1 – Transizione Digitale ed Ecologica delle Pmi con vocazione Internazionale.

Il canale per l’invio delle domande apre il 28/10/2021 alle ore 09.30, con possibilità di pre-caricare il modulo di domanda dal 21/10/2021.

Per tutte le misure occorre:

  1. Essere una PMI;
  2. Essere una società di capitali;
  3. Accertarsi di aver depositato ed evaso il Bilancio 2020;
  4. Aprire un Conto Corrente Dedicato alle risorse PNRR;
  5. Avere la Smart Card del legale rappresentante;

tutte e 3 le misure sono un finanziamento atasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework”.

La prima misura è relativa alla Transazione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione Internazionale.

Il soggetto richiedente deve essere una Pmi con un fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato totale oppure pari almeno al 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

L’importo massimo del finanziamento è il minore tra €. 300.000 e il 25% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

Le spese ammissibili sono divise in due:

  • SPESE PER LA TRANSIZIONE DIGITALE che dovranno essere almeno il 50% delle Spese Ammissibili:
    • Integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
    • Realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale;
    • Investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali;
    • Consulenze in ambito digitale;
    • Disaster recovery e business continuity;
    • Blockchain;
    • Spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0;
  • SPESE PER LA SOSTENIBILITA’ E L’INTERNAZIONALIZZAZIONE che dovranno essere non più del 50% delle Spese Ammissibili:
    • Spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (efficientamento energetico, idrico, mitigazione impianti climatici);
    • Spese per internazionalizzazione (investimenti in singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione);
    • Spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento;

La durata del finanziamento concesso è di 6 anni di cui 2 di pre-ammodernamento, con pagamenti in via semestrale posticipata.

È possibile richiedere una quota di Cofinanziamento che sarà fino al 25% dell’importo massimo dell’Intervento o fino al 40% se ha almeno una sede operativa attiva da almeno 6 mesi al Sud (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

E’ possibile richiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie per la quota di Finanziamento e la quota di Cofinanziamento non è soggetta a garanzie.

L’erogazione dell’intervento avviene in due tranche, sul CONTO CORRENTE DEDICATO, la prima pari al 50% a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni dalla data di Stipula, la seconda a saldo dell’importo delle spese ammissibili rendicontante e documentabili.

Le spese ammissibili devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 24 medi dalla Data di Stipula; si considerano sostenute alla data in cui avviene il pagamento tramite il CONTO CORRENTE DEDICATO.

Ho elaborato una prima selezione delle società che hanno i requisiti relativi al fatturato estero, con l’indicazione dell’importo massimo finanziabile (ho lasciato in elenco anche le Grandi Imprese nel caso in cui il canale venga poi aperto anche a loro).

Se avete clienti interessati a tale misura vi chiedo di comunicarmelo a breve giro per poter elaborare la descrizione dell’investimento e degli obiettivi che si intendono perseguire.

QUI la bozza della domanda.


Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Studio Impresa consulting


Civitanova Marche MC – 0733 776578
Comunanza AP – 0736 845571

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.